Esclusive per gli abbonati
Newsletters
About
UU è una rivista di sport fondata a luglio del 2013, da ottobre 2022 è indipendente e si sostiene grazie agli abbonamenti dei suoi lettori
Segui UltimoUomo
Cookie policy
Preferenze
→ UU Srls - Via Parigi 11 00185 Roma - P. IVA 14451341003 - ISSN 2974-5217.
Menu
Articolo
(di)
Emanuele Atturo
Cosa stanno facendo i giocatori italiani all'estero
26 Feb 2020
26 Feb 2020
Davide Lanzafame, Marco Verratti, Angelo Ogbonna e altre storie da non dimenticare.
(di)
Emanuele Atturo
(foto)
Dark mode
(ON)

Per il secondo anno consecutivo, le classifiche dell’UE indicano l’Italia all’ultimo posto delle stime di crescita nella zona europea. È qualche anno, a tenerci bassi, che l’economia italiana va male e anche per questo motivo gli italiani sono tornati a essere un popolo di emigranti quasi come lo erano nel periodo precedente al boom economico.

 

Ma gli italiani non viaggiano solo per cercare fortuna. Siamo un popolo di navigatori: viaggiamo per esplorare, conoscere nuove culture, allargare i nostri orizzonti e imparare nuove lingue. Da questa curiosità e da questa sete di conoscenza sono spinti anche la maggior parte dei calciatori italiani che vanno a giocare all’estero - i più maligni pensano da qualche contratto particolarmente remunerativo magari a fine carriera ma noi non ci crediamo.

 

Va detto subito che non sono tanti: dal punto di vista calcistico siamo storicamente stati un campionato in cui si arrivava e non da cui si andava via. Così come per gli spagnoli o per gli inglesi.

riportata da Esquire sembra dire il contrario, ma nel calcolo tiene conto di tutti i tedeschi di origine italiana e di tutti gli svizzeri di origine italiana.

 

Noi vorremmo invece parlare dei calciatori

come emigranti, che hanno quindi una storia umana e calcistica radicata nel nostro paese e che a un certo punto hanno dovuto riempire una valigia di cartone dei loro sogni e delle loro speranze e andare

.

 

C’è una cosa triste degli italiani all’estero: che tendiamo a dimenticarli. Anche in questi tempi in cui il nazionalismo va di moda, tendiamo a scordarci i nostri compatrioti in terra straniera. Per questo va ringraziato il grande lavoro della pagina Facebook

. Non li convochiamo più in Nazionale, finiscono alla periferia del nostro cervello; sono milionari, pensiamo, se la caveranno. Eppure magari a loro manchiamo, e quando tornano a casa dagli allenamenti riempiono le buste della spesa di pasta al pesto e nostalgia.

 



 

Come se la stanno passando questi italiani all’estero?

 

Attiva modalità lettura
Attiva modalità lettura