Newsletters
About
UU è una rivista di sport fondata a luglio del 2013, da ottobre 2022 è indipendente e si sostiene grazie agli abbonamenti dei suoi lettori
Segui UltimoUomo
Cookie policy
Preferenze
→ UU Srls - Via Parigi 11 00185 Roma - P. IVA 14451341003 - ISSN 2974-5217.
Menu
Articolo
(di)
Antonio Moschella
Ricordo Maradona
01 Sep 2015
01 Sep 2015
Intervista agrodolce a Fernando Signorini, lo storico preparatore atletico del Pibe de Oro. Che non ha una buona idea del calcio moderno.
(di)
Antonio Moschella
(foto)
Dark mode
(ON)

 

Poche persone possono vantarsi di aver condiviso anni di lavoro e di vita con Diego Armando Maradona. Una di queste è Fernando Signorini, preparatore atletico con una lunghissima esperienza alle spalle tra Argentina, Spagna e Italia. Per anni Signorini si è occupato dello stato di forma dell’ex numero 10 di Napoli e Argentina, oltre ad aver allenato Lionel Messi nel Mondiale 2010.

 

Ho conosciuto Signorini in un bar del quartiere Belgrano di Buenos Aires nel maggio del 2014, recentemente ha acconsentito a una chiacchierata via Skype su Maradona, Messi e il calcio argentino. Una chiacchierata entusiasta anche se amara, senza peli sulla lingua, magari non pienamente condivisibile, ma comunque, spero, interessante.

 



Diego era un "animale" del calcio, era nato per giocarci. I suoi movimenti erano felini, sfidavano le leggi della fisica.

, in semifinale del Mondiale 1986 ne è la dimostrazione: dopo aver seminato gli avversari e aver battuto il portiere tutti avrebbero immaginato che sarebbe caduto, e invece no. La natura gli ha dato un dono speciale che lui ha sfruttato come nessun altro ha mai fatto.

 



Quel gol fu la sublimazione della sua estrema capacità di risolvere problemi nel momento stesso in cui gli si paravano davanti. Nel calcio il tempismo è necessario per fare i movimenti giusti. Ma, in generale, la vita di Diego ha fatto sì che da quando era bambino si allenasse per quel gol: quando voleva arraffare un’arancia dal treno merci che passava per la stazione di Villa Fiorito calcolava perfettamente il tempo per saltare e prenderla al volo, e nel gol all'Inghilterra è successo qualcosa di simile...

 



Prima di tutto, gli dissi che la miglior maniera di essere altruista con i suoi compagni era di essere egoista. Per me un grammo di cervello pesa più di 76 chili di muscoli, e quando lui si convinse di ciò fu l’inizio della sua cavalcata trionfale. Ma il momento in cui mi resi conto che avremmo vinto quel Mondiale fu durante la preparazione in Messico, cinque giorni prima dell’inizio del torneo.

 

Andai nella sua stanza, dove c’era anche Pasculli, e feci l’occhiolino a quest’ultimo, facendogli capire che avrei iniziato a recitare. Dissi quindi che Platini e Zico avevano dichiarato di anteporre la gloria della propria Nazionale a quella personale, dimostrando di essere così dei tipi con poco carattere e Diego mi assalì quasi. «Credi che sia così facile?», disse. E io continuai: «Sono tre mesi che diciamo che sarà il tuo Mondiale, sei in formissima e non vuoi convincerti che puoi farcela? Se stanno così le cose a che è servita la preparazione che abbiamo svolto in questo periodo?». Qualche giorno dopo i titoli dei principali giornali riportavano: «Maradona apre il fuoco. Sarò io la stella del Mondiale». Fu in quel momento che mi dissi che era fatta.

 



 



Sì. Sono entrambi dei calciatori straordinari, ma Diego aveva un carisma inarrivabile e trascinava la squadra in tutto e per tutto. Bisogna dire però che con l’Argentina gli eventi gli sono stati più favorevoli, perché il suo rendimento nella finale nel 1986 con la Germania fu inferiore e quello di Messi nella finale di Rio. Ma in quell’occasione l’unica sua giocata positiva mandò in gol Burruchaga per il 3 a 2 finale...

 



Assolutamente sì. È stato messo alla gogna dal consumismo sfrenato dei mass media, che dimenticano le sue origini. Diego non ha studiato ad Harvard, Diego è figlio di una

come Fiorito. Quelli che corrompono il mondo e provocano guerre hanno studiato ad Harvard. Una volta arrivato in cima Diego ha voluto sfogarsi contro i poteri dispotici del mondo, prendendosi una rivincita sociale. Ovviamente tutto ciò ha avuto delle conseguenze, anche la gente che prima lo sosteneva lo ha tradito, lasciandolo solo. Sono tutti dei gran

che stanno sperando che muoia. I mass media argentini, che sono gli stessi che criticano ingiustamente Messi, non sono onesti, non hanno rispetto. Cosa succederebbe se Messi decidesse di non giocare più con l’Albiceleste per le troppe critiche della stampa?

 



No. Perché Diego, nonostante abbia giocato stupendamente a calcio, non è preparato per governare un organo del genere. È come se si chiedesse a un eccezionale musicista di essere direttore d’orchestra: probabilmente il risultato sarebbe scadente. Diego potrebbe avere un incarico onorario, andando in giro per il mondo, trasmettendo un messaggio. Sarebbe il giusto premio per una persona che ha rappresentato la felicità degli spettatori che lo hanno visto giocare.

 



Non credo, ma almeno Platini è stato un calciatore. E tra i calciatori è anche vero che alcuni adesso non servono a nulla, eppure io preferisco sempre un calciatore a qualche funzionario.

 



Ultimamente sto dando molte conferenze in tutta l’Argentina, non solo per promuovere il mio libro (

), ma anche perché non voglio più calcare un campo da calcio, ancor meno un campo da calcio argentino.

 

https://www.youtube.com/watch?v=eiLXxjBa0L4

L'agguato dei tifosi del Boca Juniors ai giocatori del River Plate nel Superclásico giocato a maggio.



 



L’ambiente del calcio argentino è una porcheria e, lungi da me sembrare un vanitoso, ma non credo che mi meriti. È un circolo composto da tipi deplorevoli e corrotti che hanno reso il calcio una porcheria dominata da

(ultras) e uno spettacolo nel quale la tifoseria ospite non può andare in trasferta. È uno spettacolo di terrore assoluto.

 



No, perché quelli che sono adesso al potere sono disorientati e non sanno cosa fare. Una volta che è morto il padrone, i servi non sanno più cosa fare.

 



Si tratta della peggiore idea degli ultimi 150 anni del calcio argentino. Invece di puntare a una gerarchizzazione concreta del campionato, hanno inserito altre dodici squadre abbassando quindi il livello medio. Ma quello che conta è la quantità di partite da trasmettere in tv. Ma chi resta davanti alla tv per guardare un Temperley – Crucero del Norte? Il calcio così perde valore e ormai ciò che importa è solo il business derivante da ogni partita e dalla pubblicità. Puntano a una passione senza riflessione, visto che ormai nessuno va più allo stadio. Bisognerebbe fare un mese di dieta affinché tutto esploda.

 



Ovviamente. Io volevo che perdesse per goleada durante la Copa América, affinché la gente potesse rendersi conto di quanto è marcio il nostro sistema.

 



È solamente business. Non importa neanche la vita di chi lo pratica, come accaduto poco fa a Emanuel Ortega, morto dopo lo scontro con un palo posizionato appena fuori dalle linee di campo. E da quel giorno non è cambiato niente. Giocatori e allenatori dovrebbero avere più voce in capitolo, ma soprattutto i giocatori vengono emarginati, in quanto quasi obbligati a rispettare il loro cliché di persone stupide. Per questo dico che ci sono vittorie che sono peggio di alcune sconfitte. Ed è ciò che è accaduto con la nostra Nazionale dopo le vittorie ai Mondiali.

 



Esatto. Servirono a fare felice la gente per due o tre giorni, a far bere più alcol e mangiare più asado, se non addirittura a far vendere qualche bandiera in più per innalzare uno stupido nazionalismo. E noi non siamo neanche così argentini in fondo, in realtà siamo figli delle navi, i veri argentini sono tutti emarginati alla frontiera senza acqua e senza servizi. Ma per l’establishment ciò che conta è vincere, non giocare bene. E ciò che importa è avere il cuore vuoto e la tasca piena, purtroppo...

 

https://www.youtube.com/watch?v=0C9HdNMVD-s

Samuel, Zanetti, Verón, Ortega, Batistuta e Crespo, ma l'avventura dell'Argentina nel Mondiale del 2002 finì dopo questo pareggio con la Svezia.



 



In parte. In realtà per chi punta al risultato è stato più importante il secondo posto dell’anno scorso in Brasile con una squadra piena di ottimi giocatori, ma che ha espresso un calcio pessimo. Menotti diceva: «Il successo non si questiona». L’Argentina nel Mondiale del ’90 doveva perdere 6 a 1 contro il Brasile, invece finì per vincere 1 a 0. Questi trionfi hanno confuso il calcio argentino, facendo pensare a tutti che il nostro calcio fosse tra i migliori e offuscando la grande tradizione nazionale con un gioco insipido e volto esclusivamente alla vittoria senza estetica.

 



È stato come una boccata di aria fresca. È importante che, nonostante avesse molti anni ancora ad alto livello per giocare in Europa, abbia accettato di tornare rinunciando anche a dei soldi. È come un diamante nel fango, ma credo che il fango finirà col fagocitarlo.

 



Dispone di fior di giocatori. Ma la maniera di affrontare le finali contro Germania e Cile, con tanta paura in corpo, aspettando il rivale, simboleggia questa realtà amara. Io credo che il calcio argentino meriti più coraggio e un altro approccio al gioco. Le grandi squadre sono quelle che vanno sempre convinte verso il proprio obiettivo, non nascondendosi.

 



Si tratta di un prodotto fatto di carne e ossa creato per essere venduto in tutto il mondo. Ciò che importa è unicamente il marchio Real Madrid: a Florentino Pérez non interessa vincere per l’emozione, quanto per espandere ancora di più il suo impero economico. Io mi chiedo quale sia il vero messaggio, il compromesso sociale del calcio moderno. Il calcio è stato creato dalla classe popolare e adesso lo hanno rubato alla gente. La reale sensazione di essere felici giocando a calcio e la possibilità di educare attraverso lo sport in generale si sono affievolite.

 
 

Attiva modalità lettura
Attiva modalità lettura