Newsletters
About
UU è una rivista di sport fondata a luglio del 2013, da ottobre 2022 è indipendente e si sostiene grazie agli abbonamenti dei suoi lettori
Segui UltimoUomo
Cookie policy
Preferenze
→ UU Srls - Via Parigi 11 00185 Roma - P. IVA 14451341003 - ISSN 2974-5217.
Menu
Articolo
(di)
Daniele V. Morrone
La migliore squadra al mondo?
23 Nov 2015
23 Nov 2015
Il Barcellona annichilisce il Real in un "Clásico" fra i più netti di sempre.
(di)
Daniele V. Morrone
(foto)
Dark mode
(ON)

 

Nell’ultimo lustro le gerarchie nel calcio spagnolo sono cambiate in favore del Barcellona: la chiave di lettura di questo passaggio storico non trova riscontro soltanto nei risultati, ma anche nella morte definitiva del “miedo escénico”. Lo splendido stadio madrileno non incute più alcun timore e il Barcellona è riuscito a battere i padroni di casa dal punto di vista tattico, tecnico, fisico, ma anche mentale.

 

Ogni singolo aspetto di una partita su cui una squadra può incidere è stato appannaggio dei catalani e il tutto è arrivato giocando senza che il calcio fosse troppo condizionato da fattori esterni. Il Barcellona aveva un piano, l’ha eseguito alla perfezione e in alcuni tratti della partita è sembrato umiliare il Madrid in un modo che, oltre ad aver reso ancora più soddisfacente la prestazione, fa entrare questo Clásico di diritto nella storia ultracentenaria del club. Certo, ad aiutare il Barcellona ci ha pensato il Real Madrid, ma nulla toglie alla prestazione praticamente perfetta della squadra di Luis Enrique.

 



Nel Clásico il Barcellona ha quasi sempre un piano specifico. Per l'occasione Luis Enrique ha accantonato le proposte di gioco più verticali e, una volta superata la metà campo, ha chiesto ai propri giocatori di giocare la palla con maggiore pazienza, in modo da conquistare una totale fiducia nelle qualità di conservazione del possesso.

 

Ha imposto agli attaccanti di giocare maggiormente tra le linee, anziché in profondità, e di passare la palla corta anche in fase di impostazione per la difesa, affidandosi anche ai piedi di Bravo pur di conservare in modo più tranquillo il pallone. Ma il piano specifico lo si è notato ancora di più in fase di transizione negativa e difesa posizionale, dove il Barcellona ha limitato la pressione per concentrarsi nel chiudere le linee di passaggio.

 

Per difendere in questo modo la squadra prevedeva un meccanismo di scivolamento da parte dell’esterno alto del 4-3-3, Sergi Roberto, sulla linea dei centrocampisti, per disegnare sul campo un 4-4-2. Tutta farina del sacco di Luis Enrique tirata fuori per l’occasione, e in teorica antitesi con l’assioma del possesso più recupero alto del DNA catalano.

 


Il piano fondato sulla pazienza lo si può vedere dalla posizione di Piqué, pronto in caso a ricevere un passaggio all’indietro. I compagni abili a farsi trovare smarcati però permettono a Mascherano di giocare il pallone in avanti.



 

Questa lunga introduzione tutta dedicata alla squadra catalana nasce dalla voglia di non circoscrivere l’umiliazione subita da parte del Real Madrid solo ai demeriti della squadra di casa. Ma va affrontata anche la disfatta totale da parte di Benítez.

 



«L’isolamento di Benítez è la chiave del suo futuro madrileno: da un lato, aggrapparsi all’addestramento tattico ossessivo potrebbe in qualche modo proteggerlo da un ambiente incline al pettegolezzo e al retroscena 24 ore su 24; dall’altro, la sua incapacità di stabilire relazioni di empatia con un gruppo di stelle e la difficoltà nell’organizzare un gioco più fluido potrebbero spingerlo presto sull’orlo del baratro.» Così

con cui, alla vigilia del Clásico, Emiliano Battazzi aveva deciso di descrivere i primi mesi di Benítez a Madrid. Adesso possiamo dire che Benítez non si trova più sull’orlo, ma sta già cadendo nel baratro.

 

Possiamo solo immaginare le notti insonni passate nelle ultime due settimane di preparazione, in cui Benítez deve aver più volte cambiato idea, se schierare la “sua” formazione o quella che la stampa e soprattutto il Presidentissimo volevano in campo. Alla fine, ritenendo forse che la sua posizione di debolezza all’interno dell’ambiente e dello spogliatoio fosse troppo grande per potersi permettere di andare contro tutti, Benítez ha scelto di schierare la “formazione Florentino”, lasciando in panchina Casemiro in favore di un centrocampo con Kroos, Modric e James, dietro alla BBC (Benzema, Bale, Cristiano).

 

Con una formazione del genere il piano gara era più che forzato e chiaramente in antitesi con il calcio voluto da Benítez a Madrid: l’unica strategia possibile con i giocatori in campo era quella di recuperare alto il pallone e provare a contenderlo poi al Barcellona, e i dati Opta dicono che il recupero medio del pallone da parte del Madrid è arrivato a 40 metri, a dimostrazione del tentativo della squadra di avere un baricentro alto, o quanto meno non basso.

 


Una situazione di pressing non organizzata è manna dal cielo per il Barça, che con Dani Alves in possesso può permettersi almeno tre giocatori sempre liberi di ricevere sfruttando i movimenti in pressione degli avversari (questa volta Kroos sbaglia il tempo, liberando sia Sergi Roberto che Rakitic in un colpo solo).



 

Parlo di tentativo perché tutto quello che ha a che fare con la partita del Real Madrid si è fermato, appunto, allo stato di tentativo. Niente è riuscito rispetto all’idea alla base. A esemplificare la situazione basta il primo gol della gara, arrivato dopo soli 10' di gioco, con la squadra che dopo un’azione offensiva sventata da parte del Barcellona cade nella trappola blaugrana, dimostrandosi inadeguata alla strategia voluta.

 

Il Barcellona gela il gioco cambiando il campo da Jordi Alba verso la fascia opposta (invece di continuare la progressione dell’esterno basso, come sarebbe accaduto magari in un'altra partita) per poi riciclare il pallone verso Piqué e Mascherano. Con questo ritmo bassissimo, il Madrid non è in grado di cambiare l’inerzia pressando in modo compatto e finisce per seguire uno a uno i portatori di palla catalani. Iniesta porta il pallone sulla fascia destra, dove il Barcellona gestisce il possesso con la catena terzino-mezzala-esterno d'attacco. Contro una squadra in grado di difendere posizionalmente in modo adeguato, i passaggi corti tutti sulla stessa fascia non avrebbero creato nessun problema, ma i giocatori del Madrid provano un pressing alto non coordinato che porta anche i più semplici passaggi tra le linee a scomporre la loro formazione.

 

Il goffo tentativo di intercetto di un passaggio tra Busquets e Sergi Roberto da parte di Kroos, seguito da un movimento in pressione da parte di Modric, portano il giovane catalano ad avere la strada spianata dietro le spalle del croato. Sergio Ramos, per coprire la falla dei due compagni, esce dalla linea lasciando Luis Suárez alle sue spalle, che ovviamente viene trovato subito da Sergi Roberto e ha tutto il tempo per calciare il pallone in porta.

 


Benítez non deve aver pensato tanto gli errori, ma al fatto che la semplice presenza di Casemiro avrebbe potuto evitare il gol, perché il brasiliano non avrebbe lasciato campo libero e Sergio Ramos non sarebbe uscito dalla propria linea per chiudere la falla dei compagni.



 



Non solo, la presenza di Casemiro avrebbe anche limitato la possibilità per il Barcellona di giocare con tanta tranquillità alle spalle del centrocampo, con palloni anche rasoterra per Luis Suárez, e la cosa è ancor più importante perché in quella zona di campo ha giocato la stella della partita: Andrés Iniesta.

 

Il fuoriclasse con il numero 8 ha giocato una partita con pochi precedenti in un Clásico. Iniesta non solo si è occupato di proteggere il possesso anche saltando l’uomo (4 dribbling riusciti sono il miglior dato della partita), ma ha anche fatto “da Xavi”, distribuendo in modo equo la palla tra sponde per Neymar, filtranti e cambi di gioco per Sergi Roberto (anche 5 lanci positivi, è il miglior dato della partita).

 

Il Madrid non era strutturalmente pronto a gestire una prestazione come quella di Iniesta. Il gol del 2-0 è tutto merito del talento del numero 8: l’ennesimo tentativo frustrato da parte del Real Madrid di impostare con Modric dal basso viene frenato da un ottimo recupero di Luis Suárez, che appoggia subito per Iniesta, che con il controllo in un colpo solo si libera anche del marcatore e avanza indisturbato fino a trovarsi davanti la linea difensiva, che supera poi con un filtrante per il taglio di Neymar. Il movimento di passaggio è impercettibile e il tempo sembra andare a una velocità differente quando il pallone lascia il piede del capitano per arrivare preciso tra quelli del giovane brasiliano che può segnare con facilità.

 


Oltre a dominare col pallone è anche il primo ad andare quando si tratta di mettere in difficoltà i rivali in fase di impostazione. Qui chiude il passaggio per Modric, costringendo Ramos a lanciare lungo per la testa di Piqué, che ringrazia.



 



Il primo tempo è un monologo catalano dal punto di vista del controllo della partita. Il centrocampo del Real Madrid è inesistente e incapace di far arrivare il pallone pulito agli attaccanti, con il piano gara di contendere il pallone agli avversari che naufraga dopo pochi minuti e il solo James che sembra in grado di saper interpretare le diverse fasi gioco.

 

Ronaldo si limita a qualche scatto palla al piede senza riuscire a creare pericolo e Benzema (chiaramente fuori forma) non riesce a vincere un solo contrasto aereo contro Piqué, togliendo quindi alla sua squadra anche l’opzione del lancio lungo. Anche singolarmente, le prestazioni degli altri giocatori non sono all’altezza: Danilo si dimostra incapace di difendere con criterio, i due centrali poco attenti e dall’errore sempre dietro l’angolo, Kroos sembra il fantasma del giocatore di controllo ancelottiano dello scorso anno. Il primo tempo finisce tra i fischi del pubblico e la gara durerà realmente solo per altri cinque minuti della ripresa.

 

Nell’intervallo Benítez non cambia nulla dal punto di vista tattico, sperando, forse, di motivare la squadra con la responsabilità di riprendere la gara almeno mentalmente. La risposta dei giocatori da questo punto di vista è arrivata: il Madrid è riuscito a creare due occasioni appena tornato in campo, prima con Marcelo che va al tiro invece di metterla al centro per un compagno, poi con James che trova Bravo preparato. Ma la partita però finisce poco dopo, quando Iniesta, ancora una volta libero tra le linee, chiede un triangolo con Neymar, posizionatosi al limite dell’area, e conclude con un collo pieno che quasi rompe la rete per segnare il 3-0.

 


Non c’è nessuno in grado di impedire a Iniesta di ricevere il pallone tra le linee e bastano due attaccanti per tenere a bada tutta una linea difensiva. Nasce da qui lo scambio tra Iniesta e Neymar per il 3-0.



 

La risposta del Bernabéu è la resa, con la famosa “pañolada” (lo sventolio di fazzoletti bianchi) di protesta nei confronti della propria squadra. A nulla serve il cambio di Benítez, che inserisce Isco e Carvajal per James e Marcelo. Certo, il giovane talento spagnolo entra con la voglia di spaccare il mondo e prende il controllo della propria squadra indirizzando su di sé il possesso, creando sia occasioni offensive (con 3 dribbling è il migliore del Madrid) che il mantenimento della sfera tanto desiderato, ma è anche vero che ormai la gara per il Barcellona può considerarsi chiusa. Un messaggio che arriva anche dall’entrata in campo del rientrante Messi, che praticamente gioca camminando e decide di testare la condizione gestendo lo sforzo.

 



Con ancora 15 minuti e il Barcellona che gioca al gatto col topo arrivano anche gli applausi da parte del pubblico madridista per Iniesta al momento del cambio, una cosa che non si vedeva al Bernabéu da quasi dieci anni, con Ronaldinho.

 

http://www.dailymotion.com/video/x3f1i46_andres-iniesta-vs-real-madrid-21-11-2015-hd_sport

La prova sontuosa di "Don Andrés", inclusa la standing ovation finale.



 

Il nuovo entrato Munir si distingue per due gol sbagliati e per le conseguenti offese ricevute in diretta TV da Piqué. Il difensore catalano ha passato gli ultimi dieci minuti di caos totale di un Real Madrid in 10 uomini per l’espulsione di Isco praticamente da punta aggiunta, nella speranza di segnare un altro gol che umiliasse ulteriormente i rivali e rispondesse così ai fischi indirizzati proprio a lui per motivi politici (indipendentismo, etc.), che ha subìto dal primo minuto di gioco. Il secondo errore di Munir, che invece di lasciargli il pallone colpisce di prima fuori, toglie la gioia del gol al centrale e segna anche l’ultima occasione della partita.

 

Dopo il 2-6 del Barcellona di Guardiola arriva un altro risultato storico per un gruppo capace di ribaltare in modo chiaro il rapporto di forza tra le due squadre. Se dal punto di vista della classifica non è stata certo decisiva, quella giocata sabato è la più bella partita del Barcellona dall’arrivo di Luis Enrique e potrebbe dare la spinta mentale decisiva per tornare la squadra di fine stagione scorsa in grado di arrivare al “triplete”. Da Bravo a Sergi Roberto, nessuno ha deluso le aspettative e con il definitivo ritorno di Messi sarà importante vedere come Luis Enrique cercherà un sistema nuovamente bilanciato, soprattutto in partite non speciali quanto il Clásico.

 

Per il Real Madrid è invece una vera disfatta su tutti i fronti, con l’allenatore che finirà per fare da capro espiatorio di una dirigenza non esente da colpe, che ha apertamente forzato la mano al tecnico al momento di schierare i giocatori in campo. La frattura tra giocatori e allenatore sembra comunque insanabile nel breve periodo, dato che le due parti non riescono a trovare un terreno comune come succedeva per l’ora rimpianto Ancelotti. Per Benítez la mossa più sensata potrebbe essere quella del ritorno dei pretoriani come Casemiro e Carvajal nell’11 titolare, per provare almeno a giocare il proprio calcio e fare risultato nonostante le critiche per il gioco non spumeggiante.

 


Nonostante il Barcellona sia momentaneamente in 10, ecco come si schiera il Real Madrid per l’attacco posizionale. C’è tantissimo lavoro da fare.



 

La gestione del gruppo non è il punto di forza di Benítez, ma sabato ha fallito anche in quella tattica, per quanto, come detto, il margine di manovra non era ampissimo. Purtroppo per lui, con dirigenza, giocatori e pubblico contro, il tempo a disposizione per correggere il tiro rischia di non essere abbastanza.

 
 



 
 

Attiva modalità lettura
Attiva modalità lettura