Esclusive per gli abbonati
Newsletters
About
UU è una rivista di sport fondata a luglio del 2013, da ottobre 2022 è indipendente e si sostiene grazie agli abbonamenti dei suoi lettori
Segui UltimoUomo
Cookie policy
Preferenze
→ UU Srls - Via Parigi 11 00185 Roma - P. IVA 14451341003 - ISSN 2974-5217.
Menu
Articolo
(di)
Daniele Manusia
LPDC: è fattibile una classifica dei 10 migliori centrocampisti al mondo?
14 Oct 2017
14 Oct 2017
Alessandro ci ha fatto una domanda ambiziosa. Risponde Daniele Manusia.
(di)
Daniele Manusia
(foto)
Dark mode
(ON)

Buongiorno,

è possibile fare una classifica dei 10 migliori centrocampisti al mondo?

Alessandro

 



 

La differenza fra questa gente e me è che loro hanno finito l'università e io no (loro non sono stati piantati da Charlie e io sì); di conseguenza fanno dei lavori brillanti, e io ne faccio uno pidocchioso, loro sono ricchi e io sono povero, loro sono sicuri di sé e io sono insicuro, loro non fumano e io sì, loro hanno delle opinioni e io ho delle classifiche.


Nick Hornby , Alta Fedeltà


 

Non so perché le domande a cui trovo più interessante rispondere sono quelle che in realtà una risposta non ce l’hanno. Tipo quella volta che ho provato a immaginare 

. Forse perché mi piace il senso di pericolo che si prova a stare in equilibrio sul filo sottile che separa ogni risposta dalla stronzata. Forse perché mi piacciono le stronzate.

 

Ad ogni modo.

 

Ciao Alessandro,

grazie per la bella domanda.

 

La prima risposta, la più semplice, alla tua domanda è: no. Non è possibile perché, come si dice, 

.

 

Anzitutto perché non c’è un solo tipo di centrocampista. Hai scelto un ruolo impossibile da semplificare anche usando l’accetta al posto della penna. Come li vuoi questi cc? Difensivi, offensivi, passatori, incursori? Dove li vuoi mettere? Davanti alla difesa, sull’esterno, tra le linee avversarie? Preferisci che la tua squadra faccia un gioco di possesso o uno più diretto? Vuoi marcare e aggredire in alto o difendere posizionalmente? Devo tenere conto solo di quelli in attività o, tipo, posso tirare dentro Xabi Alonso? E invece Xavi lo posso contare, visto che prima di ritirarsi deve ancora giocare la sua ultima stagione in Qatar?

 

Poi, con che tipo di spirito dovrei risponderti? Con leggerezza, chiudendo gli occhi e confrontando mentalmente un centrocampista argentino con uno che gioca nel campionato portoghese? Ma poi chi è che conosce 

? Forse, Alessandro, ci hai sopravvalutato. Forse hai sopravvalutato le nostre conoscenze, o quelle di chiunque altro. O magari dovremmo rispondere sfruttando la convenzione dei “cinque campionati più importanti d’Europa”, inglese, spagnolo, tedesco, francese e italiano (col sottinteso che siano anche i più importanti del mondo), per quanto si tratti di una convenzione tanto universalmente accettata quanto riduttiva sotto molti punti di vista?

 

Eppure della domanda di Alessandro mi attira proprio la vaghezza. Il fatto stesso che non si capisce se vuole solo sapere 

 o se vuole sapere quali sono secondo noi - secondo me che sono stato scelto per rispondere - i 10 migliori centrocampisti al mondo.

 


I migliori cc per le statistiche difensive delle stagioni 2015-16, 2016-17 e quella in corso tutt’ora (i numeri rappresentano la media a partita). Kanté è quello che di gran lunga fa più tackle e intercetti, di conseguenza è anche il più dribblato.


 

Siccome non voglio sfuggire del tutto al compito ho scomodato Alfredo Giacobbe che è più paziente di me e mi ha aiutato stilare 3 classifiche statistiche con tre tipologie diverse di centrocampista (difensivo, offensivo, 

) dei 5 campionati principali, che sono anche quelli di cui si trovano più numeri.

 

Tanto per avere un’idea di chi nelle ultime 3 stagioni (compresa quella in corso) ha prodotto

 in quegli aspetti del calcio che sono misurabili. Eppure anche l’approccio statistico non fornisce una risposta completa, né tanto meno indubitabile, a una domanda così grande. Tanto per cominciare i numeri individuali sono sempre influenzati dal contesto di squadra, per tenere conto dell’influenza del sistema dovremmo fare dei conti diversi (la solita storia: se la mia squadra è molto aggressiva e organizzata è facile che io avrò dei numeri difensivi migliori di un poveraccio che deve difendere in mezzo a un deserto da solo contro 3 avversari alla volta) e comunque finiremmo col tenere fuori molte variabili. Diciamo che queste classifiche ci aiutano a capire chi sono “gli specialisti” in quel determinato settore, per mettere un minimo di ordine nel caos.

 

Le trovi sparse nel pezzo, io intanto vado avanti a scrivere.

 


I migliori geni del passaggio delle ultime 3 stagioni. Anche tenendo conto di quantità, qualità e pericolosità però stiamo discriminando quei cc che per scelta, o stile, non si avvicinano all’area avversaria ma che comunque sono dei geni nei passaggi. Mi spiego meglio: dov’è Sergio Busquets?


 

In fondo la domanda di Alessandro mi costringe a confrontarmi con quella cultura dell’opinione 

 che nel giro di pochi anni è passata dal piano del cazzeggio tra amici a quello del posizionamento sui social network. La cultura del “Francis Bacon>Van Gogh”, del “come si fa a tenere fuori Bubble Bubble dai migliori arcade?”, oppure “Ceckhov tra i migliori 10 scrittori di sempre? Ma datevi al carling”. E chi vuole costruirsi o conservare una reputazione finisce per dire il meno possibile, per non sbilanciarsi, per non dare niente di sé per paura che venga rifiutato dal suo piccolo pubblico. E in effetti se ai tempi della scuola mi avessero chiesto di gridare quali erano le mie band preferite mentre tutti ascoltavano, forse mi sarei rifiutato.

 

Nonostante ciò vorrei provare a dare una risposta personale, e al tempo stesso il più oggettiva possibile, alla domanda di Alessandro. Perché se abbiamo detto che è impossibile determinare con certezza chi sono i 10 migliori centrocampisti al mondo, non significa che non si possa mettere cura nella scelta di una playlist. Penserò a questa classifica come se fosse destinata solo ad Alessandro. Come se fosse scritta su un foglietto di carta e passata da un banco all’altro dieci minuti prima della ricreazione. Con la speranza che, se ho dimenticato qualcuno di fondamentale, non mi sputtani davanti a tutti.

 

Quindi, dicevamo: 

Sì, Alessandro. Purché lo si faccia scegliendo quelli che ci sembrano i 10 migliori tra tutti i centrocampisti che abbiamo visto e che siamo in grado di farci venire in mente. Tenendo conto che ci sarà per forza di cose un centrocampista di cui abbiamo visto troppi pochi minuti per apprezzarne davvero il talento. Oppure uno che ancora non si sta esprimendo al massimo, ma che avrebbe le potenzialità per far parte della nostra classifica.

 


I migliori centrocampisti-attaccanti sommando i numeri di questa stagione e delle due passate. Toh, Paul Pogba e Marek Hamsik sono gli unici presenti in due classifiche. Sicuri che Dele Alli sia un centrocampista? Anche Ilicic e “El Mudo” sono un po’ al limite non vi pare? Idee per pezzi futuri: “Dell’impossibilità di definire il ruolo di centrocampista”.


 

Ho scelto giocatori diversi cercando di rappresentare un po’ tutti gli aspetti della macrocategoria “centrocampista”. Non ho cercato di scegliere i più completi in assoluto, né i migliori in una cosa sola. Il centrocampista è un 

con moltissime 

ed è difficile anche definirne con esattezza i confini concettuali. Quando Bonucci o David Luiz salgono oltre la linea della metà campo con la palla tra i piedi e tagliano una o più linee avversarie sono ancora dei difensori o vanno considerati come centrocampisti? Quando Dani Alves e Marcelo vengono dentro al campo sono ancora terzini? Kimmich e Alaba che ruolo sono? Anche in questo senso secondo me è possibile operare solo scelte soggettive.

 

Se io e Alessandro ci conoscessimo non ci sarebbe bisogno di spiegazioni, Alessandro potrebbe intuire le ragioni implicite di alcune mie scelte; dato che non è così in alcuni casi ho aggiunto una brevissima motivazione per ognuno dei giocatori in classifica. Per evitare di estendere troppo la mia scelta ho considerato solo i calciatori in attività in campionati competitivi. Niente Xavi.

 

Domanda: 



 

In ordine sparso:

 

 

· 

 (ha un rapporto con il pallone che è il contrario della brutalità, quasi intimo; sembra che la palla collabori con lui nei suoi controlli)

· 



· 



· 

 (che invece è autoritario, sembra che la palla esegua i suoi ordini e che le partite debbano andare come dice lui, a volte diventa persino capriccioso)

· 

 (un giocatore unico, persino i suoi cali secondo me non fanno che evidenziare quanto è straordinario quando invece è in forma, la difficoltà nell’esprimere contemporaneamente tecnica, equilibrio e intelligenza ad altissime velocità)

· 

 



· 



·  

straordinariamente completo)

· 

 (uno dei più fraintesi, insieme a giocatori come Sergio Busquets e Thiago Motta, perché al di là delle eccentricità Pogba è un giocatore in grado di sparire dietro a compiti tattici semplici ma necessari, capace però di picchi qualitativi e atletici altissimi)

· 

 (ok qui ho un pochino barato, Arango a 37 anni gioca nei New York Cosmos ed è anche infortunato 

, però volevo nominarlo. Potevi metterci Xavi, direte voi. Se non vi piace come scelta fate come se ci fosse scritto Nainggolan. Ma tanto ogni classifica è una delusione per sua natura).

 

 

Attiva modalità lettura
Attiva modalità lettura