Newsletters
About
UU è una rivista di sport fondata a luglio del 2013, da ottobre 2022 è indipendente e si sostiene grazie agli abbonamenti dei suoi lettori
Segui UltimoUomo
Cookie policy
Preferenze
→ UU Srls - Via Parigi 11 00185 Roma - P. IVA 14451341003 - ISSN 2974-5217.
Menu
Articolo
(di)
Fabio Severo
L'annuncio di Maria
08 Mar 2016
08 Mar 2016
Sharapova ha confessato di essere risultata positiva all'anti-doping. E ora?
(di)
Fabio Severo
(foto)
Dark mode
(ON)

 

La vicenda di Maria Sharapova

la si può vedere come fa la collega Jamie Hampton:

 




 

Oppure come lo scriba Gianni Clerici su

di oggi, paternamente preoccupato per gli sviluppi futuri (e i segreti passati):

 

«Maria ha dichiarato che i contributi chimici riguardavano un suo vecchio problema con il diabete, ha aggiunto di non sapere che, in occasione dell’ultimo Australian Open, quel tipo di caramelle infernali, o forse iniezioni, fossero state proibite. Vedremo di che opinione sarà il tribunale. Per ora mi auguro soltanto che una simile Dea contemporanea non abbia avuto bisogno di Ambrosia illecita per saziare i suoi desideri.»

 

Le caramelle infernali sono l'ormai celebre Meldonium, un farmaco comunemente usato per curare l'

ma assunto da molti atleti per gli effetti benefici sulle capacità di recupero. Maria Sharapova lo prende da dieci anni, perché il "dottore di famiglia", così l'ha definito, glielo raccomandò per dei ricorrenti problemi di salute, nello specifico per anomalie nell'elettrocardiogramma e per alcuni indicatori di diabete. La WADA l'ha bandito dal 1 gennaio 2016, e lei, molto semplicemente, ha detto che non se n'è accorta. Nello specifico non ha cliccato sul link dell'e-mail in cui questa informazione era contenuta. Ora, la Federazione Internazionale di Tennis aveva inviato comunicazione dell'aggiornamento delle sostanze bandite già dal settembre dello scorso anno:

 





 

E quindi? Com'è stato possibile cadere in una simile svista? Già 55 atleti di varie discipline sono stati trovati positivi al Meldonium a partire dall'inizio dell'anno: si tratta di incuria? L'abitudine a prendere la sostanza per lungo tempo? Il sentirsi al di sopra di ogni rischio di controllo?

 

Nel frattempo gli sponsor scappano da Maria:




 

La vicenda è stata letta in modi molto diversi. C'è la tesi "nessuno è escluso dai controlli, neanche le star", che sarebbe prova della vigilanza a difesa di uno sport pulito, posizione sostenuta ad esempio da Gilles Simon:

 




 

Poi c'è la questione spinosa dell'atleta che gestisce personalmente il proprio annuncio. Anche qui, l'operazione è controversa. Può essere vista come atto di coraggio, come ha fatto la n. 24 del mondo Madison Keys:

 




 

Oppure può rappresentare l'eccessiva deferenza delle autorità sportive verso i top players, lasciati liberi di decidere come e quando annunciare che hanno usato una sostanza illecita:

 




 

Qui un riepilogo delle squalifiche per doping nel tennis:

 




 

Non molto. Da tempo si parla di quanto sia nebulosa la gestione dell'antidoping nel tennis, diversi giocatori hanno invocato più controlli, altri invece si sono lamentati dei controlli a sorpresa alle ore più improbabili. Non è quindi dato sapere quale sia la verità, di certo non è mai accaduto che un'atleta così importante venisse trovata positiva in questo sport. Già a gennaio c'era stato lo scandalo delle partite truccate scoppiato durante l'Australian Open e l'apertura dell'indagine interna: il tennis ha subito più scosse in una manciata di mesi che negli ultimi dieci-quindici anni.

 

Da leggere anche la frustrazione di Jennifer Capriati, che non ha mai fatto pace con l'aver dovuto smettere di giocare:

 




 

Al di là delle

nell'immediato dell'annuncio di Sharapova, la domanda è legittima: perché un atleta può prendere un farmaco quando non soffre della specifica condizione per cui quella medicina andrebbe prescritta? Dieci anni di Meldonium hanno agevolato Maria Sharapova? Quanti altri tennisti l'hanno preso o lo stanno ancora prendendo? La squalifica, che entrerà in vigore dal 12 marzo, potrebbe andare da 4 anni per uso volontario, due per uso involontario, fino a persino soltanto sei mesi se venisse accettata ogni forma di attenuante. Sharapova potrebbe persino chiedere l'attenuante terapeutica retroattiva, anche se da come ha parlato («Non voglio finire la mia carriera in questo modo, spero davvero di avere un'altra opportunità di giocare»), non sembra orientata a questo tipo di difesa.

 

Se volete addentrarvi nei meandri delle ipotesi sul fenomeno sostanze proibite nel tennis, da diversi anni esiste

, un sito con continui aggiornamenti a sostegno della tesi che il tennis sia segretamente piagato dal doping. Un po' cospirazione degli Illuminati, un po' giusta denuncia delle omertà e delle approssimazioni dei controlli sui tennisti verificatesi nel corso degli anni, il sito merita la vostra attenzione, non foss'altro per indulgere un nel piacere sottilmente paranoico di comparare presunte crescite muscolari anomali in questo o quel tennista.

 

Oppure, si può sempre riassumere tutta la vicenda così:

 





 

L'abbiamo pensato un po' tutti.



 

E poi due parole di dispiacere per la blanda reazione della stampa alla battuta di chiusura di Maria Sharapova: «So che molti di voi pensavano che oggi avrei annunciato il mio ritiro, ma se mai lo avessi fatto non sarebbe certo stato in un hotel a Los Angeles downtown, con questo tappeto orribile». Non ha riso nessuno, e io immagino lei e i suoi P.R. che discutono all'infinito alla vigilia della conferenza su dove e come inserire un

nell'annuncio ferale dell'illecito commesso, così per un tocco di classe. Invece silenzio. Tutti a pensare a cosa twittare prima degli altri reporter in sala, mentre Maria Sharapova faceva la migliore battuta di tutta la sua carriera.

 

 

Attiva modalità lettura
Attiva modalità lettura