Newsletters
About
UU è una rivista di sport fondata a luglio del 2013, da ottobre 2022 è indipendente e si sostiene grazie agli abbonamenti dei suoi lettori
Segui UltimoUomo
Cookie policy
Preferenze
→ UU Srls - Via Parigi 11 00185 Roma - P. IVA 14451341003 - ISSN 2974-5217.
Menu
Articolo
(di)
Redazione
All-Star Game Serie A 2016
19 Feb 2016
19 Feb 2016
Perché la Serie A non organizza un All Star Game? Una proposta semi-seria.
(di)
Redazione
(foto)
Dark mode
(ON)

 

Cara Lega Serie A,
Oggi volevo scriverti per proporti un'idea. Perché non fare un All-Star Game come fa l'NBA? Sarebbe uno sbatti, certo, e considerata la sciatteria dello slogan che ci tocca sentire prima di ogni partita (“

: grazie al cazzo) dovreste sforzarvi un po' sulla comunicazione, ma insomma io ho appena scritto “sbatti” e chi è senza peccato eccetera.

 

Secondo me, nonostante tutto, ne varrebbe la pena. A titolo indicativo vi suggerisco due possibili periodi in cui programmarlo: tra Natale e Capodanno (perché, a giudicare

italiani che hanno seguito l'inglesissimo Boxing Day, secondo me, ogni anno sprecate un'occasione a non giocare); oppure più o meno in questo periodo (subito prima degli ottavi di Champions League, ad esempio) in modo che i valori di giocatori e allenatori siano ancora più definiti.

 

Niente di troppo serioso, una cosa per intrattenere un pubblico un po' troppo fissato con i risultati della propria squadra e, al tempo stesso – ed è questo che è geniale! – attirare sponsor. Molte idee basterebbe prenderle dall'NBA: immagina una partita tra una selezione dei giocatori delle squadre del Nord contro i giocatori delle squadre del Sud, con esibizioni tecniche da giocare magari appena prima o appena dopo (gara di punizioni, gara “a chi colpisce la traversa”), breve concerto a fine primo tempo (nella prima edizione, che noi di

ci immaginiamo a Milano, potrebbero suonare i Club Dogo), maglie speciali, calzini... anche tagli di capelli sponsorizzati, perché no.

 

Se stai pensando: “Eh, ma in Italia queste cose non si possono fare”, ti prego almeno di dare un'occhiata alle formazioni, perché qualche campione lo abbiamo ancora e potrebbe essere un modo per valorizzare il tanto vituperato brand del “calcio italiano” (inteso come campionato italiano) dal punto di vista tecnico, sì, ma anche commerciale.

 

Per convenienza, dato che in Serie A c'è una maggiore rappresentanza di squadre del centro e del nord rispetto a quelle del sud, potremmo prendere come riferimento

tracciata dall'esercito tedesco in ritirata alla fine della Seconda Guerra Mondiale. Passa tra Bologna (considerata quindi come nord) e Firenze (annessa al sud). In questo modo ci sarebbero comunque più squadre a nord (13) che a sud (7), ma la distribuzione dei pesi è più equa. Il potere economico di Torino e Milano contro l'asse Napoli-Firenze-Roma: secondo me ha senso.

 

Qui sotto, la redazione de

vi presenta per bene i vari eventi. Abbiamo scelto San Siro per comodità, perché è lo stadio più iconico d'Italia e quello dove si vede meglio, ma la seconda edizione si potrebbe tenere al San Paolo, poi allo Juventus Stadium e così via. Abbiamo disegnato i loghi e scelto allenatori e giocatori, voi potreste farne scegliere metà ai tifosi e metà agli allenatori, più o meno come si fa in NBA. L'ideale sarebbe che ci fosse equilibrio tra i giocatori che lo meritano per come stanno giocando (es. Bonaventura) e quelli che bene o male rappresentano il meglio della Serie A dal punto di vista commerciale (es. Pjanic). Altrimenti si rischia di rappresentare solo le squadre più in forma, o solo i giocatori delle squadre con più tifosi votanti.

 

Infine, non sottovaluterei il valore pedagogico e simbolico di un'operazione del genere. In un Paese in cui non tutti i tifosi di una squadra di club riescono a tifare la Nazionale perché ci sono giocatori di squadre rivali, e dove c'è sempre un motivo per esaltare Tizio e sminuire Caio, in cui il conflitto Nord vs Sud non è affatto superato...

 

Sul serio, pensateci. Se vi serve una mano per organizzarla, noi ci siamo.








 

I tre candidati per la panchina della selezione Centro-Nord erano Roberto Donadoni, Eusebio di Francesco e Massimiliano Allegri.

 

Il Bologna allenato da Donadoni ha una media punti da Europa League che impressiona specie se confrontata con i 6 punti in 10 partite ottenuti da Delio Rossi con la stessa squadra. Il Bologna è una squadra organizzata e particolarmente aggressiva: proprio la pressione feroce portata nelle fasi iniziali dell’azione ha sorpreso il Napoli di Sarri e consentito al Bologna di vincere il match contro i partenopei. I felsinei sono in testa alla classifica di palle recuperate e di km percorsi in serie A confermare lo spirito battagliero della formazione e la sua organizzazione nella fase di non possesso palla.

 

L’allenatore del Sassuolo nasce con l’etichetta di zemaniano, che Di Francesco non disconosce di certo, e, come quelle del suo maestro, in passato le sue squadre avevano una sinistra tendenza a incassare tante reti. Oggi la radice zemaniana del gioco di Di Francesco è evidente, oltre che nel modulo di gioco adottato, nello sviluppo della fase offensiva, ma l’allenatore ha modificato, migliorandola, la fase difensiva del proprio gioco mostrando la capacità di imparare dai propri errori e di progredire, affrancandosi dal proprio maestro per giungere a una propria concezione del calcio.

 

L’incredibile rimonta effettuata dalla Juventus a partire proprio dalla sconfitta di fine ottobre contro il Sassuolo consegna però la panchina del Centro-Nord a Massimiliano Allegri. Il mercato estivo aveva consegnato all’allenatore livornese una Juventus rinnovata e priva di importanti leader tattici ed emotivi. Attraverso un complicato e non certo lineare percorso fatto di prove ed errori Allegri ha quindi trovato l’alchimia giusta per il nuovo gruppo di giocatori a disposizione. Nella storia dell’assemblaggio della Juventus 2015/16 si ritrova l’essenza profonda della visione del calcio del tecnico bianconero: la squadra non è tanto l’espressione concreta di un’idea nata a tavolino, ma si crea dalla più efficace connessione tecnica, tattica ed emotiva tra i giocatori. Nessun dogma assoluto, ma il calcio più efficace possibile con le individualità a disposizione. Questo non significa che la Juventus non mostri un'organizzazione di squadra, una capacità di leggere le partite e soluzioni di gioco raffinate direttamente ascrivibili alle idee del proprio allenatore.

 

La fluidità della difesa schierata nel disporsi indifferentemente con una linea a 4 o a 5, le rotazioni del triangolo composto dalle due mezzali e Dybala per trovare spazi alle spalle o ai fianchi dei centrocampisti difensivi avversari, la capacità di giocare su più registri di gioco, sono merito del paziente lavoro di Allegri e della sua voglia di trovare soluzioni particolari alle esigenze del campo. Bravissimo a tirarsi fuori dal baratro dove si trovava nei primi due mesi della stagione Allegri, allenatore di stampo fortemente italiano, merita di guidare la selezione del centro-Nord nell’All Star Game della serie A 2015-16.

 



 



 



È difficile misurare l’impatto di un portiere in termini di punti in classifica. Senza dubbio però, se l’Inter è stata a lungo in testa al campionato e si è potuta permettere di vincere tante gare con il minimo sforzo (dieci vittorie su tredici sono giunte con un unico gol di scarto), lo deve anche al suo portiere Handanovic. Il portierone sloveno ha raddoppiato il numero di parate a partita rispetto all’anno scorso ed ha una percentuale di parate dell’80.6% che gli ha permesso di terminare tredici partite a rete inviolata. Con questi numeri anche un mostro sacro come Buffon è costretto a sedersi in panchina.

 



Per anni ha comandato insieme a Godin il fortino del Cholo Simeone all’Atletico Madrid, probabilmente l’unità difensiva più organizzata ed efficiente del panorama calcistico europeo. Mancini gli ha ritagliato un ruolo simile nella sua Inter di cui è diventato in breve il leader difensivo. Impeccabile in copertura e dotato di un eccezionale senso tattico, Miranda ha letteralmente cancellato dal campo buona parte degli attaccanti che lo hanno sfidato finora (Gakpé lo sogna ancora la notte). Il suo sostituto, nonostante l’appannamento delle ultime giornate, è il più esplosivo Jeison Murillo, il compagno con cui settimanalmente condivide il campo.

 



Da quando Conte ha ritagliato per lui il ruolo da centrale di impostazione nel trio difensivo bianconero, Bonucci è riuscito a superare alcuni suoi limiti, imponendosi come uno dei migliori difensori italiani ed europei. Oltre ad essere molto abile in copertura e negli anticipi, la sua visione di gioco e le sue abilità tecnica, ne fanno il perfetto regista difensivo. Come riserva scegliamo Francesco Acerbi, che sconfitto definitivamente il tumore nel 2014, è tornato in campo con una continuità di prestazioni impressionante.

 



La seconda giovinezza vissuta con la maglia della Juve da Andrea Barzagli è un fenomeno che la fisiologia dovrebbe studiare. È probabilmente il difensore italiano più puro degli ultimi anni e stagione dopo stagione si conferma sempre su livelli altissimi. Non solo è preciso nei tackle, lesto negli anticipi e difficilmente fuori posizione ma è anche pulito e glaciale con il pallone tra i piedi. Probabilmente comprenderemo in pieno la grandezza di Barzagli soltanto quando avrà appeso le scarpette al chiodo. Intanto godiamocelo il più possibile, anche all’All Star Game. In panchina mandiamo il mancino Alessio Romagnoli, che a 21 anni appena compiuti si è già imposto come leader difensivo del Milan.

 



Giocando da fluidificante destro nel 3-5-2 di Ventura, Bruno Peres ha fatto registrare

paragonabili al Maicon del Triplete. In tutto il campionato solo Diego Perotti (4,7 per 90) completa più dribbling per 90 minuti del brasiliano del Toro (3,7), tra i giocatori con almeno 900 minuti giocati. Dopo essersi imposto lo scorso anno, Peres si sta confermando ad alti livelli anche in questa stagione. L’All Star Game è per lui l’occasione per dimostrare di poter giocare in una squadra di alto  livello. L’altro dribblomane Juan Cuadrado perde il derby sulla fascia destra e comincerà il match seduto in panchina.

 



Con Montella in panchina e il graduale inserimento di Correa come trequartista, Soriano è stato riportato nel suo originario ruolo da mezzala. Indipendentemente dalla posizione in campo, l’ex-giocatore del Bayern è in grado di offrire un grande contributo offensivo, come confermano i 7 gol e 4 assist messi a referto finora, senza far mancare un altrettanto decisivo apporto in fase difensiva: non sono molti i centrocampisti con un simile bottino realizzativo a vincere 2,1 contrasti ogni 90 minuti. Come suo sostituto proponiamo il compagno di squadra Fernando, il colpo del mercato estivo doriano che ha immediatamente preso in mano le redini del centrocampo della Sampdoria.

 



Quest’anno Marchisio sembra aver definitivamente completato l’evoluzione da centrocampista box-to-box a centrocampista difensivo, abile sia nel distribuire il gioco che nello spezzare quello avversario. Il suo contributo non è forse più appariscente come in passato, ma egualmente importante: il suo ritorno tra i titolari a pieno di regime è coinciso con

del campionato della Juve. La sua presenza in campo contribuirà a dare equilibrio ad una squadra altrimenti molto offensiva. La sua riserva è Francesco Magnanelli, il fin troppo sottovalutato capitano del Sassuolo.

 



Pogba ha sofferto le difficoltà iniziali della Juve, ma come il resto della squadra, si è risvegliato negli ultimi mesi, tornando ad offrire il suo solito contributo

, specie in fase offensiva: oltre ai 5 gol e 5 assist, 3,7 tiri, 3,1 dribbling e 1,5 passaggi chiave ogni novanta minuti. Pogba è anche all’estero tra i più noti e apprezzati giocatori della Serie A, un vero e proprio volto del nostro calcio: impossibile immaginare un All-Star Game senza il francese. In panchina va Baselli, trasformato in mezzala da Ventura e comunque tra i protagonisti della non particolarmente positiva stagione del Torino.

 



In un Milan dal rendimento altalenante, Bonaventura è sempre tra i migliori in campo. Tra reti segnate in prima persona e cioccolatini regalati ai compagni, ha messo lo zampino su un terzo dei gol in campionato dei rossoneri e si è contraddistinto anche per impegno e spirito di sacrificio. Proprio per queste sue doti caratteriali lo posizioniamo da tornante sinistro: non è propriamente il suo ruolo naturale, ma non possiamo rinunciare a Jack. Alex Sandro, che dopo un periodo di adattamento si è imposto in Serie A con tutta la sua fisicità e tecnica, comincerà la partita delle stelle in panchina.

 



Dybala si è ormai definitivamente consacrato con la maglia della Juve, riuscendo a far dimenticare Tevez. Oltre all’innegabile talento naturale di cui dispone, Dybala è cresciuto molto anche fisicamente e tatticamente adattandosi in modo rapido anche al nuovo ruolo di seconda punta. Con 13 gol ed 8 assists la Joya è stato il principale protagonista della rincorsa della Juve delle 15 vittorie consecutive. In panchina è pronto Eder, forte del suo stellare contributo alla causa della Sampdoria (10 gol e 2 assist in 19 partite) e volenteroso di imporsi anche nell’Inter.

 



Carlos Bacca è il re Mida del Milan: come il mitologico monarca della Frigia che trasformava in oro tutto ciò che toccava, Bacca trasforma in rete tutti i palloni giocabili che gli capitano. Finora il colombiano ha convertito uno spaventoso 34% dei tiri tentati, e il 50% dei tiri in porta. Percentuale superiore anche a quella di un altro killer d’area di rigore di questa stagione, Leonardo Pavoletti, autore di 10 gol con appena 21 tiri in porta.






 

La panchina della selezione del Centro-Sud ha almeno tre candidati forti e meritevoli. A Empoli Marco Giampaolo ha preso il meglio dell’esperienza di Sarri, modificandone alcuni aspetti e ottenendo ad oggi molti più punti del suo predecessore e una presenza stabile nella parte sinistra della classifica, pur con 5 titolari in meno rispetto alla squadra della scorsa stagione. La zona è rimasta purissima, ma la fase di possesso è più orientata al gioco corto con l’obiettivo, spesso raggiunto, di arrivare in zona pericolosa tramite manovre palleggiate. E occhio a Paredes inventato da Giampaolo come mediano e a Zielinski arretato dal tecnico abbruzzese in posizione di mezzala.

 

Paulo Sousa ha fornito sin dall’inizio principi di gioco e soluzioni tattiche molto definite alla sua squadra, giungendo, dopo varie sperimentazioni ancora non del tutto concluse, a un 3-4-1-2 parecchio fluido su cui la Fiorentina si è assestata. Il calcio di Sousa è moderno, divertente ed efficace e basato su possesso palla, gioco tra le linee, pressing offensivo e transizione negativa aggressiva con conseguente linea difensiva molto alta.

 

Ma la panchina non può che essere assegnata a Maurizio Sarri.

 

Dopo un’infinita vera gavetta, il tecnico del Napoli ha avuto l’opportunità di guidare una grande squadra e lo sta facendo al meglio. Un passaggio poco sottolineato nella felicissima storia tattica del Napoli è l’accantonamento, dopo 2 punti in 3 partite, del 4-3-1-2 impiegato con successo ad Empoli e l’adozione del 4-3-3. La scelta di proporre inizialmente il centrocampo a rombo testimoniava la volontà del tecnico di continuare la strada tattica percorsa la stagione precedente pur con un gruppo di calciatori profondamente diverso per caratteristiche e qualità. Allontanando la tentazione di rimanere fedele a un sistema di gioco che lo aveva portato in alto e mostrando la duttilità che ha sempre avuto in carriera, Sarri ha riportato il balbettante trequartista Insigne nel suo ruolo naturale di esterno sinistro, Callejon a tagliare in verticale partendo dalla fascia destra e disegnato un 4-3-3 perfettamente consono alla rosa a propria disposizione. Il contestuale passaggio del ruolo di mediano da Valdifiori a Jorginho ha certificato una transizione tattica che supera la semplice variazione del modulo di gioco per comprendere il passaggio da un calcio ostinatamente verticale a uno più manovrato e dal ritmo più modulato. Se la fase di non possesso palla è governata dai medesimi principi visti ad Empoli – zona integrale, pressing, affollamento del lato forte -, la fase offensiva mostra un gioco maggiormente palleggiato che consente una varietà di ritmi e soluzioni che, pur a un livello inferiore, l’Empoli di Sarri non possedeva. La chiave del successo e, al contempo, la testimonianza della bravura e della preparazione del tecnico del Napoli, stanno proprio nella sua capacità di variare la proposta tattica valorizzando le peculiarità dei propri calciatori e arricchendo il proprio calcio di soluzioni che l’innalzamento della qualità dell’organico allenato gli hanno consentito. Maurizio Sarri merita la panchina della soluzione centro-sud perché nel passaggio a una grande squadra e a un gruppo di giocatori di altissimo profilo ha continuato a credere che un calcio organizzato è la chiave per giungere alla vittoria e che alzando il livello dei calciatori, non si debba rinunciare all’organizzazione, ma anzi possa essere potenziata sviluppando un numero maggiore di soluzioni grazie proprio ai fuoriclasse presenti in rosa.

 



 



 



In questa squadra il portiere deve saper giocare con i piedi come un giocatore di movimento ed essere anche uno showman, per poter divertire il pubblico mentre il gioco si sviluppa nell’altra metà campo.

 

Il numero 1 è Reina perché sa combinare entrambi gli aspetti: ha la seconda percentuale più alta di passaggi riusciti (78%) e di tutti i rilanci, anche con quelli con le mani (81%) e d’altronde per un portiere cresciuto nella cantera del Barça si tratta di una qualità indispensabile e consolidata da anni. Per quanto riguarda lo spettacolo, Pepe Reina sembra esser diventato calciatore quasi per sbaglio, visto che è un animatore perfetto: per ogni trofeo vinto dalla Spagna c’è una sua presentazione sul palco, una barzelletta raccontata o addirittura una

tipica delle

di Pamplona. Proprio per questo, scenderà in campo con il microfono ad archetto senza fili. In panchina Szczesny, con libertà di fumare.

 



Il ruolo di Florenzi è ormai talmente misterioso che in questo All-Star la sua polivalenza diventa un pregio: nel corso di questa stagione ha giocato da terzino, da mezzala, da ala, insomma in tutte e tre le linee di uno schieramento calcistico. L’aspetto positivo è che da terzino destro permette di avere una grande spinta in fase offensiva, una soluzione in più; la parte negativa è che a volte si dimentica di salire per mettere in fuorigioco l’avversario. Comunque con due centrali così forti e veloci può anche decidere di non tornare. Se sbaglia è pronto Hysaj, uno che equilibrerebbe anche la difesa più incerta.

 



Il difensore greco sta ormai ridefinendo il concetto di attaccare la profondità: i suoi recuperi nello spazio sono talmente chirurgici e continui che non si sa bene come affrontarli. Le sue scivolate sono sempre tempestive e stanno diventando ormai un gesto estetico a parte, anche se appoggia sempre il braccio sul terreno rischiando continuamente il rigore. I problemi in fase di impostazione sono compensati dall’altissimo livello agonistico, che gli permetterà di intimorire gli avversari anche in una sfida amichevole come questa. In panca Albiol, che permette un inizio azione decisamente più fluido.

 



Nel Napoli di Sarri è davvero difficile trovare un giocatore che non stia rendendo al massimo: ma Koulibaly sembra davvero in versione semi-divina, con dribbling di ruleta zidaniana, colpi di tacco per servire i compagni, progressioni palla al piede tipo il Lucio del triplete. La differenza rispetto all’anno scorso è che sembra attento anche in marcatura: in media, vince circa 3 duelli aerei a partita, quasi 3 anticipi, 2 tackles e praticamente non si fa saltare mai. Se continua così diventa il difensore del futuro, capace di eccellere in tutti i fondamentali. In ogni caso, c’è pronto Gonzalo a sostituirlo: meno velocità ma grande tecnica, oltre ai passaggi taglialinee che gli richiede Sousa.

 



L’esterno sinistro spagnolo è l’equilibratore della Fiorentina: in fase difensiva si abbassa per formare la difesa a 4; in fase di costruzione garantisce sempre una ricezione laterale e una circolazione ragionata del pallone; garantisce un buon numero di assist (3 finora), ogni tanto segna e non è male neppure sui calci piazzati. In panchina pronto a sostituirlo c’è Ghoulam, per spingere come un ossesso.

 



L’esperimento più difficile di questo All-star game: come far rendere al massimo lo sloveno in un ruolo che gli richiede una grande partecipazione difensiva e una continua mobilità? Già adesso nella Fiorentina ha il compito di schermare l’inizio azione avversario pressando il difensore centrale di sinistra; e spesso aiuta con raddoppi e ripiegamenti sulle fasce.

 

In ogni caso, l’obiettivo di questa squadra è di dominare la partita con il pallone, quindi a centrocampo serve uno come lui. Sul lato destro, inoltre, può puntare anche la porta; e poi è un candidato naturale alla vittoria del contest sulle punizioni (quest’anno non sbaglia un colpo, ben 10 gol in totale, rigori compresi). In panchina c’è Nainggolan per difendere il risultato e riconquistare la palla a colpi di scorpione.

 



Pjanic non è proprio un regista, anche se Spalletti lo vuole proprio in quella posizione, è ancora discontinuo ma nonostante tutto, in questa strana stagione romanista, Pjanic è il miglior marcatore, Champions compresa, con 10 gol; aggiungete 8 assist e una media di circa 2.5 passaggi chiave e capite che forse la confusione tattica dei giallorossi lo aveva risucchiato nella negatività, nonostante lui stesse facendo del suo meglio. Ha vinto il ballottaggio con Borja Valero che in quanto a pausa e qualità può reggere il confronto con tutti.

 



La catena di fascia sinistra del Napoli è come un vulcano in continua eruzione: se Insigne è la colata lavica, Hamsik è l’esplosione iniziale. Magari non è più dinamico come qualche anno fa, ma è ancora il motore offensivo dei partenopei, con ben 2.5 passaggi chiave e 1 dribbling per 90 minuti. I suoi 6 assist ne certificano l’importanza in fase di definizione ed evidenziano il suo ruolo ibrido: mezzala con possibilità di inserirsi e di giostrare da trequartista, quando Insigne mantiene la posizione laterale. Deve riprendere a segnare con continuità (5 gol per ora), quale miglior occasione dell’All-Star? Se sbaglia l’approccio, tocca al suo compagno Allan che sta diventando un centrocampista box-to-box da nazionale brasiliana.

 



Nel concentrato di dinamismo, classe e istinto che è diventato Insigne, il Napoli sembra trovare sempre soluzioni di gioco nuove e vincenti: il cambio di modulo deciso da Sarri per renderlo fondamentale è stato già ampiamente ripagato dai suoi 10 gol e 10 assist, oltre che dalla continua produzione offensiva ed estetica (2.6 passaggi chiave e 1.8 dribbling per 90 minuti). La sua capacità di seguire tracce esterne-interne lo rendono l’incubo di ogni terzino e invogliano alla marcatura a uomo: ma l’Insigne di questa stagione sembra davvero muoversi sull’hoverboard, imprendibile per tutti, anche per Saponara, che nonostante stia disputando ancora una grande stagione è costretto ad accomodarsi in panchina.

 



Il Palermo sta andando male ma Vazquez c’è, come sempre: 4 gol, 7 assist, 2 passaggi chiave ogni 90 minuti ma soprattutto 6 dribbling di media (di cui circa tre riusciti), il migliore di tutta la Serie A per numero totale di dribbling riusciti (ben 75). Una "pisadita" di qua, un tunnel di là, è lui il vero showman di questa squadra: potrebbe anche non provare mai una verticalizzazione ma girare per il campo a dribblare avversari. Nel Palermo è abituato a svariare su tutto il fronte offensivo e a trovarsi da solo la posizione migliore, sempre facendo da raccordo tra i reparti: qui deve giocare sulla destra, in un ruolo che non è il suo, ma ha il permesso di accentrarsi per lasciare spazio ad Ilicic e creare un magico triangolo associativo con Insigne e Higuain. Nel secondo tempo è pronto ad entrare Salah che proprio in questo ruolo può dare il meglio di sé.

 



Al di là della media gol pazzesca (un gol ogni 84 minuti - l’ultimo a superare quota 30 è stato Luca Toni ben 10 anni fa, e ormai sembra un traguardo ampiamente alla portata), è la voracità di Higuain a renderlo il centravanti più forte di questa Serie A. È onnipresente: dalle grandi sfide (doppietta contro l’Inter) alle trasferte complicate (vedi Bergamo); e segna in tutti i modi possibili con una naturalezza che trascende la leadership e rasenta ormai il superomismo. Higuain è talmente più forte di tutti che per bloccarlo la Roma ha rinunciato alla fase offensiva, versione estrema del parcheggio dell’autobus davanti alla porta. Per gli ultimi minuti è pronto il cambio con Kalinic, l’uomo che attacca la profondità come missione di vita e che ha corso talmente tanto nella prima parte di stagione da aver bisogno di un po’ di riposo.

 





 

La gara del tiro da 3 punti è uno degli eventi dell’All Star Weekend della NBA, uno dei più noti e celebrati, soprattutto negli ultimi anni, dopo l’exploit di Marco Belinelli e l’esplosione di Steph Curry. La competizione consiste nel ricavare in un minuto il maggior numero di canestri da 25 palloni, divisi in cinque carrelli, dalla linea dei 7,25. Ogni pallone vale un punto, tranne l’ultimo di ogni carrello che ne vale due e un carrello speciale di soli palloni da due punti. Gli attuali recordmen ex-aequo sono Stephen Curry e Klay Thompson, che hanno conquistato gli ultimi due titoli con un record di 27 punti su 34 disponibili.

 

La gara di calci di punizione rappresenterebbe il corrispettivo calcistico di questa idea. Una serie di calci piazzati tirati da 5 posizioni diverse fuori dall’area. Rispetto alla NBA il tempo a disposizione dei tiratori sarebbe quanto meno raddoppiato per permettere la meccanica di tiro più complessa; sarebbero ritenuti validi solo i tiri che scavalcano la barriera e alla fine di ogni carrello, una “blue ball” di valore doppio.

 

Al “Serie A Free Kick Shootout Game” sarebbero ammessi i giocatori che, a questo punto della stagione, hanno già segnato direttamente da calcio piazzato. In questo momento sarebbero ammessi:

 

Pjanic (Roma), con 4 gol su punizione;

Insigne (Napoli) e Dybala (Juventus), con 2 gol;

Ilicic e Marcos Alonso (Fiorentina), Bonaventura e Balotelli (Milan), Zukanovic (Roma), Fernando (Sampdoria), Saponara (Empoli), Ljajic (Inter), Birsa e Pepe (Chievo), Berardi e Sansone (Sassuolo), Biglia (Lazio), Brienza e Giaccherini (Bologna), Dzemaili (Genoa), Lodi (Udinese), Viviani (Hellas), tutti con 1 realizzazione.

 

I calciatori si sfiderebbero uno contro uno, in un tabellone tennistico con scontri a eliminazione diretta.

 

Peccato non poter includere nella competizione anche gli allenatori. Perché io lo vorrei vedere ancora il sinistro di Sinisa Mihajlovic in azione; e l’esito della sfida col migliore dei calciatori in attività non sarebbe affatto scontato.

 





 

La gara a chi colpisce più traverse dalla distanza fa parte di quel genere di cose a metà tra calcio di strada e calcio da youtube. Il web è pieno di veri maestri circensi dell’arte di colpire la traversa e probabilmente pochi calciatori professionisti riuscirebbero a eguagliare la destrezza di questi youtubers; ma un tiro sulla traversa di Andrea Pirlo avrà una bellezza rarefatta ben diversa da quella di uno sconosciuto che ha passato troppe ore della propria vita a perfezionare un’arte inutile. Per Pirlo sarebbe un’applicazione singolare di un talento complesso, come addestrare un cane bellissimo a camminare su due zampe; per uno sconosciuto la semplice coltivazione di un tic per puro esibizionismo.

 

La competizione sarebbe vagamente modellata su quella dei tiri da centrocampo della NBA. Quindi non avrebbe un prestigio particolare (come quella di punizioni, per esempio) ma sarebbe una divertente parata di campioni, nuovi e vecchi. Infatti, proprio come la gara NBA, sarebbe strutturata a squadre miste tra giocatori attuali e veterani. Le squadre sarebbero quattro – ciascuna composta da tre elementi - e si affronterebbero in due semifinali e una finale.

 

La gara vera è propria verrebbe così strutturata.

 

Le due squadre dovrebbero disporsi a una distanza di 30 metri dalla linea di porta, entrambe da una posizione centrale. Per terra sarebbe segnato il cerchio di battitura da rispettare, dove posizionare i palloni da calciare verso la porta, raccolti da un carrello. Un tiro scagliato sulla traversa vale 1 punto. Se però la palla, dopo aver colpito il legno, ritorna nella disponibilità di chi ha calciato, questi può tentare il tiro in porta (che sarà difesa da un portiere scelto). La sequenza traversa più gol vale 3 punti.

 

Le squadre tireranno contemporaneamente scambiando il turno tra i tiratori un numero imprecisato di volte per tre minu

Attiva modalità lettura
Attiva modalità lettura